PATOLOGIA GENERALE E PATOLOGIA OCULARE

Crediti: 
6
Anno accademico di offerta: 
2017/2018
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Nell’ambito del corso integrato, il corso intende fornire le conoscenze necessarie per la comprensione dei processi patologici da un punto di vista molecolare e cellulare. Le conoscenze acquisite consentiranno di correlare le alterazioni molecolari con le alterazioni micro e macroscopiche osservabili in cellule, tessuti e organi, nell’intento di comprendere in modo completo la patogenesi della malattia. I riferimenti bibliografici potranno essere utilizzati per acquisire autonomia di giudizio, capacità comunicative e capacità di apprendimento, che potranno essere dimostrate in sede di esame.
L’insegnamento di Patologia Oculare si inserisce nel Corso integrato di Patologia Generale e Patologia Oculare. L’insegnamento ha l’obiettivo di consentire allo studente di conoscere e di comprendere elementi essenziali di eziologia, patogenesi, sintomatologia, diagnostica e cura delle principali situazioni patologiche di interesse oculistico generale, anche allo scopo di consentire allo studente capacità di utilizzare la conoscenza e la comprensione acquisita nell’individuare i problemi del paziente connessi alla condizione di persona affetta da ipovisione transitoria o permanente.
Lo studente al termine del corso, utilizzando le conoscenze di anatomia, biologia, fisiologia, patologia generale e psicologia già acquisite in precedenza dovrà dimostrare conoscenze e capacità di comprensione circa:
- i fenomeni fisiopatologici che sono alla base di eventi connessi alla patologia oftalmologica ed all’intervento dell’oculista e dell’assistente in oftalmologia quali il calo del visus, le alterazioni del tono oculare, l’infiammazione oculare, la mancata trasparenza dei mezzi diottrici;
- le cause e le conseguenze delle principali sindromi di interesse ortottico quali l’ambliopia, le paralisi oculari, la visione binoculare;
- le cause e le conseguenze delle principali patologie degli annessi oculari quali palpebre e vie lacrimali.

Lo studente inoltre, applicando la conoscenza e la comprensione acquisite, dovrà essere in grado, anche collaborando con altri professionisti, di contribuire alla prevenzione delle complicanze cui può andare incontro il paziente affetto da patologia oculare; di individuare i problemi connessi alla patologia oculare da cui il paziente è affetto; di cooperare al piano assistenziale più adeguato.

Contenuti dell'insegnamento

Gli argomenti svolti durante il Corso verteranno sui seguenti contenuti:
- Infiammazione
- Immunità
- Neoplasie
- Diabete
- Emostasi e sue alterazioni
- Palpebre: anatomia e principali affezioni
- Lagoftalmo
- Ptosi, Entropion, Ectropion, Blefarite
- Vie lacrimali: anatomia e principali patologie
- Cornea: anatomia e principali patologie
- Uveiti: definizione ed aspetti clinici
- Cataratta: tipi e trattamento
- Ecografia oculare: principi e patologie investigate
- Glaucoma da chiusura d’angolo
- Melanoma dell’iride e del corpo ciliare

Bibliografia

Patologia generale:
Uno a scelta fra i seguenti testi:
- 1. Spector e Axford, Introduzione alla Patologia Generale, CEA
- 2. Woolf, Patologia Generale – Meccanismi della malattia, Idelson-Gnocchi
- 3. Caruso e Licastro – Compendio di Patologia Generale. Casa Ed. ambrosiana
- 4. Pontieri, Patologia e fisiopatologia generale Ed. Piccin
Patologia oculare:
J.J. Kanski: “Oftalmologia clinica”, Masson Italia

Metodi didattici

Il corso sarà svolto tramite lezioni frontali interattive con ausilio di materiale iconografico raccolto in files PowerPoint che, al termine del corso, saranno messi a disposizione degli studenti.
Durante le lezioni saranno esposti i concetti principali di ogni argomento, stimolando gli studenti a porre quesiti anche sulla base di riferimenti bibliografici che saranno forniti.

Modalità verifica apprendimento

Non saranno svolte verifiche in itinere.
La verifica finale sarà effettuata tramite esame orale o scritto.
Ad ogni studente saranno rivolte due domande su argomenti elencati nel programma esteso. La impossibilità a rispondere ad una domanda (o la accertata incapacità a fornire almeno una definizione corretta del fenomeno patologico oggetto della domanda) comporterà il non superamento dell’esame.

Al termine della risposta il docente formulerà un giudizio espresso in fasce:
A. Ottima conoscenza e comprensione dell’argomento. Elevata capacità di applicazione delle conoscenze a problematiche bio-mediche. Voto in trentesimi: 30.
B. Buona conoscenza e comprensione dell’argomento. Buona capacità di applicazione delle conoscenze a problematiche bio-mediche. Voto in trentesimi: 27-29.
C. Discreta conoscenza e comprensione dell’argomento. Dimostrata capacità di applicazione delle conoscenze a problematiche bio-mediche. Voto in trentesimi: 24-26.
D. Conoscenza e comprensione dell’argomento pienamente sufficienti. Discreta capacità di applicazione delle conoscenze a problematiche bio-mediche. Voto in trentesimi: 21-23.
E. Conoscenza e comprensione dell’argomento appena sufficiente con evidenti lacune. Scarsa capacità di applicazione delle conoscenze a problematiche bio-mediche. Voto in trentesimi: 18-20.
La lode sarà proposta per la dimostrazione di autonomia di giudizio, elevate capacità comunicative e capacità di apprendimento autonomo.

Il voto sarà deciso di comune accordo dai due docenti, con la possibilità di discostarsi di un massimo di due punti dalla media delle valutazioni singole.